Report del 16 Novembre

From VIAWiki

Jump to: navigation, search

Report del 16 novembre

Questo report contiente alcune osservazioni e dei suggerimenti per migliorare il testo attuale del regolamento ANVUR sotto esame presso le commissioni cultura dei dure rami del Parlamento, che dorvanno esprimere parere (non vincolante), teoricamente entro il 21 novmbre 2009. Il report e' stato preparato da Mauro in collaborazione con Lucio ed Andrea Biondi [1].


16- Novembre 09 – Osservazioni della VIA-academy sull’ Atto del Governo N.131 , “Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante Regolamento concernente la struttura e funzionamento dell’ ANVUR”

Premessa Si e’ pienamente concordi con il Ministero della Pubblica Istruzione ed Universita’ (MIUR) quando ribadisce, nella relazione introduttiva agli articoli 6-12 dell’Atto del Governo n. 131: “Opportune norme di incompatibilita’ garantiscono la terzieta’ dell’organismo di governo dell’Agenzia (cioe’ il Consiglio Direttivo) valutatrice rispetto al sistema da valutare”. Nel contempo si rileva che questo criterio di terzieta’, internazionalmente riconosciuto essere fondamentale per tutti gli organismi di valutazione di attivita’ finanziate da governi [2] , non e’ applicato in modo sistematico in alcune parti del testo del regolamento ANVUR ora sotto valutazione da parte delle commissioni parlamentari.

Questa lacuna puo’ dare spazio a consuetudini contrarie ai principi di indipendenza e terzieta’ che sono essenziali nella ‘quality assurance’. Tali principi non sembrano essere stati rispettati in organismi governativi gia’ deputati alla valutazione delle attivita’ universitarie, a cominciare dal CNVSU che confluira’ nell’ANVUR stessa. Infatti si nota che l’attuale Comitato del CNVSU [3] comprende componenti che svolgono attivita’ di insegnamento, ricerca e/o clinica universitari ed altresi’ ricoprono ruoli in altre agenzie od associazioni, se non addirittura in analoghi organismi di valutazione della ricerca di una provincia autonoma. In effetti, l’affiliazione accademica e/o moltiplicita’ di interessi di alcuni componenti del Comitato CNVSU suggerisce dubbi di non-terzeita’ nell’elaborazione della classifica delle universita’ italiane stilata dal MIUR col contributo del Comitato stesso. I dubbi sono avvalorati dalla limitatissima correlazione di questa classifica con tutti i rankings delle universita’ italiane redatti da agenzie internazionali [4]. Bisogna totalmente evitare che sorgano dubbi di questo tipo per garantire una valutazione imparziale degli atenei italiani, acciocche’ le loro attivita’ vengano obiettivamente premiate, o punite, a seconda del loro merito, che e’ l’encomiabile principio guida del governo.

Suggerimenti per specifici cambiamenti che assicurino maggiore terzieta’

Esaminando in dettaglio il testo, si sono rilevati cinque punti di possibile cambiamento che possono aumentare la congruita’ e sistematicita’ di terzieta’ nell’Atto n. 131 del Governo. I cambiamenti suggeriti riguardano principalmente l’Articolo 8, Il Consiglio Direttivo, e sono sottolineati qui sotto:

1. Comma 1, fine seconda riga sostituire... ‘alta e riconosciuta’ con alta qualificazione internazionale

2. Comma 3, inizio quarta riga: aggiungere dopo ‘genere’ ed almeno uno proveniente da universita’ straniere.

3. Comma 3, undicesima riga: modificare dopo ‘interessati,’ in accademie e societa’ scientifiche operanti anche all’estero,

4. Comma 5, meta’ terza riga: inserire dopo il punto la nuova frase: Ciascun componente del Consiglio non puo’ altresi’ ricoprire altri uffici di qualsiasi natura in enti pubblici o privati, e deve astenersi da ogni possibile valutazione di istituti pubblici o privati a cui sia stato affiliato.

NOTA. Una norma analoga alla 4 era presente nel testo del regolamento precedente (D.P.R. 21 Febbraio 2008, n.64) ed e’ stata tolta dall’Atto del Governo n. 131 solo per il comma 5 dell’Articolo 8, ma mantenuta nel similare comma 5 dell’Articolo 10 (che riguarda il Direttore dell’ANVUR). Questa inconguenza deve essere eliminata, considerando (vedi Premessa) come i componenti del Consiglio Direttivo siano piu’ esposti a possibili (e multipli) potenziali conflitti di interesse del Direttore dell’agenzia. Inoltre stride con le disposizioni inserite al comma 3 dell’Articolo 14, per cui i presidenti degli attuali enti che confluirebbero transitoriamente nel Consiglio Direttivo dell’ANVUR non sarebbero soggetti ad equivalenti norme di incompatibilita’ stabilite per gli altri componenti dello stesso Consiglio, una situazione di ingiustificata disparita’ rispetto anche al criterio di terzieta’. Per ovviare a questa inusuale situazione, si suggerisce il seguente cambiamento.

5. Articolo 14, Norme transitorie e finali - Comma 3, quarta riga: Elidere dopo ‘Ad essi’: non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 8, commi 5 e 6, e (conseguentemente, la seconda frase del comma inizierebbe: Ad essi spetta esclusivamente il rimborso... ).


Questo report e' stato spedito ad una decina di parlamentari il 16 Novembre 2009, quattro dei quali hano detto subito di averlo ricevuto e valutato (mentre il Sen. Possa, che l'aveva ricevuto in anteprima il 15 novembre, l'ha ignorato nella discussione tenutasi nella sua commissione al senato). Il 20 Novembre una versione simplificata di questo report (senza il punto 5 e con note riflettenti una perplessita' presente nel parere approvato al senato) e' stata mandata a tutti i membri della VII commissione della camera. I punti sono stati assunti e quasi completamente inglobati nel docuento che i parlamentari del PD hanno successivamente elaborato e sottoposto al relatore del parere di commissione, On. Frassinetti. Solamente uno di questi traspare nel parere ufficiale che la commissione ha poi approvato nella seduta del 25 novembre [5](PDL, Lega e PD hanno votato a favore, mentre IDV e UDC si sono astenuti).

Personal tools